Mostre Personali 2019

Gli autori (in ordine alfabetico):

ANTONIO BARRELLA
“Gioielli d’Italia”

Mosaic created using TurboMosaic software from www.TurboMosaic.com
Mosaic created using TurboMosaic software from http://www.TurboMosaic.com

 

Il cibo è un tema universale in tutte le culture del mondo e in tutti i tempi: ha ispirato artisti che attraverso la riproduzione della quotidianità hanno descritto e criticato la realtà sociale raccontandone il potere, la ricchezza, la decadenza, la vita e la morte.

Il cibo e l’arte sono un connubio fecondo e ricorrente che può essere raccontato attraverso visioni oniriche o reali riproducendone gli aspetti meno evidenti valorizzandone ed esaltandone forme, colori, luce e significati.

Il cibo, bene prezioso, indispensabile e grande risorsa, scomposto e ricomposto attraverso micro gioielli emerge grandioso e brillante al pari del suo stesso core. (A.B.)

 MARIO CUCCHI
” Archive of my vision on everyday objects “

Moka01

Un progetto fotografico che esplora l’estetica della vita di tutti i giorni
a partire dalle cose più semplici intorno a noi.

 

VINICIO DRAPPO
“Single&Food

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Seimilioniottocentosessantaseimila. È il numero dei single che vivono nel nostro Paese, secondo i dati diffusi dall’Istat nel mese di settembre del 2011.
Un dato che fa riflettere ed è destinato ad aumentare, come rileva la tendenza emersa dalle ricerche svolte dallo stesso istituto negli ultimi anni. Questa consistente fetta di popolazione, formata per oltre il 55% da uomini, è il risultato di una trasformazione sociale che riguarda principalmente l’istituzione familiare. Un’evoluzione portatrice di istanze e problematiche fino a pochi lustri fa ritenute marginali. Oggi i single si sono ritagliati uno spazio proprio nella gestione del tempo libero, nella ricerca di un’abitazione, nel turismo, nei consumi, soprattutto in quelli alimentari, divenendo un nuovo target di riferimento per ricercatori sociali e per gli uffici marketing delle aziende.

In questo progetto fotografico d’impronta socio-antropologica, l’autore si è concentrato nella relazione tra single e cibo, analizzata in diverse età dell’uomo, affrontata in differenti storie personali. Tutte le persone riprese sono single per scelta, come la signora Nella, che ha spento 92 candeline, e che si è separata da suo marito quarant’anni fa. Da allora vive in quasi totale solitudine. Oppure Salvatore, settantasettenne benestante che da sempre consuma i pasti preparati per lui da una governante, oppure Remo imprenditore nel settore della cosmesi che porta il suo animo romantico e il suo amore per il tango anche a tavola. Ma ci sono anche studentesse universitarie, impiegati, artisti, appassionati di pasticceria e di musica. Tutti rigorosamente consumatori “monoporzione”.

 

LAURA MALATERRA
“Facce di Cibo”

Schermata 2019-04-24 alle 15.59.18

Le “Facce di Cibo” fanno parte del progetto “Il Cibo in Palcoscenico” dove il cibo è il protagonista di storie, ricordi, immagini, sapori e profumi. La scintilla è scoccata quando ho deciso di portare il cibo in teatro scrivendo i testi e curando la regia di due spettacoli “Cibi Gridati” e “Donne che cucinano la vita”. Al cibo ho dedicato il mio libro “Ricordi di cibo, il cibo dei ricordi” e fotografici racconti surreali sul blog “L’ovo di Piero” in ricordo del famoso uovo di Piero della Francesca. Le “Facce di Cibo” sono dedicate ai luoghi e alle persone incontrate nei miei viaggi, nascono dalla gioia di assaporare i cibi e conversare con chi quei cibi li prepara, con chi quei luoghi li abita e li conosce. Sono un gioco saporito le “Facce di Cibo”, mi guardano di soppiatto dal piatto, a volte mi sorridono e rendono quei posti e quei momenti indelebili nella mia memoria. Il cibo invade la scena e ogni piatto diviene un immaginario palcoscenico.

http://www.lauramalaterra.it/Foto/FotoFacceDiCibo/index.htm
www.lauramalaterra.it/Foto/FotoFacceDiCibo/index.htm

MAURO NORI

FRANCESCO ROSSINI

 

GRAZIANO PEROTTI
“Il pane del Tagikhistan, Uzbechistan, Marocco e Giordania”

samarcanda


ROBERTO PILERI

ANTONIO POLITANO

 

MARCO RAVASINI
“Quello che getti dalla finestra prima o poi rientrerà della porta”

Unknown-1

Campagna della Provincia di Catanzaro sul riciclo rifiuti (anno 2005).
Utilizzare discariche abusive o disperdere i rifiuti non fa male solo all’Ambiente, fa male anche a noi.

ANDREA SABATELLO

Colors-039


PATRIZIA SAVARESE
“Nice… but healthy food!”

pesci

Foto tratte da diverse serie su frutta, vegetali, legumi, pesce azzurro.Alcune commissionate da STCC (Tipografia della Camera dei Deputati, per i calendari annuali), alcune prodotte per l’agenzia americana GettyImages, altre per libri sul cibo. (BLUEFISH BLUESEA / MINIMAL: foto in 1metroquadro / TUTTIFRUTTI / THE EARTH OF GREEN).Mi piace giocare con le composizioni equilibrate, un esercizio paziente e riflessivo. Immagino una dimensione nascosta dietro alla semplicità apparente. La frutta evoca l’infanzia, i racconti dei bambini, la semplicità assieme alla ricchezza della natura.

“Studiare le strutture naturali, osservare l’evoluzione delle forme può dare a tutti la possibilità di capire sempre più il mondo in cui viviamo.” (scriveva Bruno Munari in “Arte come mestiere” – 1960)
La nostra frutta e la nostra verdura sono patrimonio da conservare, proteggere da inquinamenti e manipolazioni genetiche e distruttive. Un patrimonio che regala salute e benessere sia come cibo che come bellezza.
Le serie:
VERDURE VOLANTI
GREEN FOOD: *la serie Green Food ha ricevuto il Primo premio e menzione d’onore per la “Qualità creativa in fotografia professionale” da Tau Visual (Associaz.Fotografi Professionisti).
FRUITS COLORS
VEGETARIAN
OFFICINALIS
VERTICAL COMPOSITION
PASTA BIO
BLUEFISH BLUE SEA Pesce azzurro, Mar Mediterraneo, Mare Nostrum, a rischio…
A rischio come la nostra salute, il nostro cibo sano e le tradizioni dei nostri pescatori.
Dedicato a chi vuole preservare l’Ambiente.
* THE EARTH OF GREEN: piccoli giardini zen per addestrare la mente e lo sguardo (in mostra al Ristorante La Botte di Lugnano)
L’intento, commerciale e non, è stato quello di dare rilievo e bellezza a questi cibi sani con una composizione insolita rispetto al classico still life,

 

MONICA SGANDURRA
“Caffe Floreale”

Schermata 2019-04-24 alle 17.26.36

Il #caffefloreale è un piccolo rito che compio quasi ogni mattina sul mio profilo Instagram per augurare il buongiorno: caffè e fiori come piccolo momento condiviso di bellezza e serenità fermato in un veloce scatto fotografico realizzato con un iPhone 6.
cakegardenproject

 

 

ANGELO TURETTA
“La grande bouffe”

Schermata 2019-04-24 alle 16.53.09

Reportage sulle feste e le abbuffate romane…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close